Sì. La ratio della previsione citata è da ricercare nella volontà del legislatore di favore processi di individuazione dei bisogni e di allocazione delle risorse necessarie a rispondere a quei bisogni quali “momenti” prodromici alla definizione delle modalità di realizzazione dei progetti ritenuti utili per affrontare quei bisogni. Tuttavia, nulla impedisce che la P.A. e gli ETS definiscano percorsi di co-progettazione che, peraltro, in taluni contesti territoriali potrebbero agire da stimolo per avviare percorsi di co-programmazione