Sì, in particolare se l’utilizzo dell’immobile è funzionale alla realizzazione di un progetto condiviso. In questo senso, si possono combinare le disposizioni di cui agli artt. 55 e 71 del Codice del Terzo Settore.