No, è una facoltà dell’ente richiedere il versamento della quota associativa ai propri iscritti.