5 x 1000

RIFORMA DEL TERZO SETTORE

Pubblicato in Gazzetta il testo del decreto collegato alla Legge 106.
Confermata l’idea di non erogare le somme percepite sotto una certa soglia, e di ridistribuire l’inoptato con criteri diversi da quelli attuali.
Prevista anche una stretta sui tempi di erogazione, e sanzioni severe per le organizzazioni poco trasparenti APPROFONDISCI


CLICCA QUI PER LEGGERE IL PROMEMORIA 5X1000 NEO ISCRITTI


All’interno di questa sezione troverete info su date indizione bandi iscrizione, link a elenchi di beneficiari per le annualità fino ad ora assegnate, scadenze di invio documenti di conferma iscrizione, modulistica e linee guida per rendicontazione annuale, e tutte le info su eventuali aggiornamenti normativi concernenti il beneficio fiscale.

ULTIMO AGGIORNAMENTO – 18 aprile 2017

“In data 18/04 sul sito dell’Agenzia delle Entrate sono stati pubblicati gli elenchi dei beneficiari del 5 per mille per l’anno 2015, suddivisi come al solito fra Onlus e Enti del Volontariato, Enti della Ricerca scientifica e Universitaria, della Ricerca sanitaria, dei Servizi sociali dei Comuni e delle Ass. Sportive Dilettantistiche; per le ONLUS sono stati pubblicati 3 elenchi secondo valore decrescente degli importi, da € 12.000.000 a € 3.300, da € 3.300 a € 800,00, da € 800 in giù; c’è pure un ultimo elenco degli esclusi in cui sono presenti le Ass.ni che non hanno provveduto a inviare la Dich. sost. di atto notorio entro il periodo utile del 30 giugno 2015 senza sanzione,o del 30 settembre con sanzione; alleghiamo questi elenchi per i quali purtroppo l’Ag. delle Entrate non ha inteso a oggi attivare un motore di ricerca, e nei quali è opportuno individuare quindi la propria Ass.ne mediante Codice fiscale e importo erogato presunto desunto dallo storico degli anni precedenti.”

ELENCHI 2015:

 

icon-bandi-csvfvg

AMMESSI PER IMPORTO 1^ PARTE

icon-bandi-csvfvg

AMMESSI PER IMPORTO 2^ PARTE

icon-bandi-csvfvg

AMMESSI PER IMPORTO 3^ PARTE

icon-bandi-csvfvg

ESCLUSI PER IMPORTO

 

 


“Con  il DPCM 07.07.16 pubblicato sulla G.U. il 09 agosto scorso, sono state definite le nuove norme che stabilizzano le iscrizioni al 5 per mille a partire dalla tornata 2017: è un provvedimento molto importante, atteso in pratica sin dall’istituzione di questo beneficio fiscale a partire dal 2006, che finalmente permette agli Enti che si sono iscritti quest’anno di restare presenti in un apposito elenco integrato, aggiornato e pubblicato ogni anno sul sito dell’Agenzia delle Entrate entro il 31 marzo; eventuali variazioni dei dati riportati potranno essere fatte valere dal  legale rappresentante dell’Ente entro il 20 maggio presso la Direzione regionale dell’Agenzia delle Entrate competente; in caso di sopravvenuta perdita dei requisiti, ad es. per la cancellazione dell’Ente dagli appositi registri, lo stesso legale rappresentante dovrà trasmettere all’amministrazione competente, con le medesime modalità della dichiarazione sostitutiva, la revoca dell’iscrizione.

In caso di variazione del legale rappresentante inoltre, questi dovrà provvedere a trasmettere una nuova dichiarazione sostitutiva con l’indicazione della data della sua nomina e di quella di iscrizione dell’Ente alla ripartizione del contributo.

Si  intende che gli Enti di nuova formazione dovranno provvedere all’iscrizione alla lista dei beneficiari nei termini stabiliti ogni anno sul sito dell’Agenzia delle Entrate utilizzando la solita procedura e modulistica.

Di seguito si riporta il testo del DPCM

NUOVO REGOLAMENTO RENDICONTO 5X1000

Sono state pubblicate lo scorso 17 luglio, le nuove linee guida del Ministero del Lavoro e Politiche Sociali sulla rendicontazione del 5 per mille.

icon-bandi-csvfvgSCARICA IL MODELLO

NUOVO RENDICONTO 5×1000 2017

 

Pubblichiamo qui di seguito un nuovo instant book, che è possibile scaricare, sulla rendicontazione del 5 per mille che tiene conto degli aggiornamenti introdotti dal Mininistero del Lavoro e delle Politiche Sociali:

icon-bandi-csvfvgSCARICA IL NUOVO INSTANT BOOK 2017

INSTANT BOOK – RENDICONTAZIONE 5 X1000

 

LE DIFFERENZE SOSTANZIALI RISPETTO ALLA PRECEDENTE VERSIONE:

  • L’obbligo di indicare la data di erogazione del beneficio dalla quale decorre l’anno di tempo utile per l’utilizzo
  • La possibilità di procedere all’accantonamento per un ulteriore anno del beneficio, tramite delibera del Direttivo che indichi anticipatamente le finalità di utilizzo
  • La possibilità di dettagliare ulteriormente le 6 (invece che 5) modalità di avvenuto utilizzo del beneficio attraverso sottosezioni (il documento è in word elaborabile a video)

LA RENDICONTAZIONE:

Tutti i soggetti del volontariato beneficiari del cinque per mille sono tenuti alla rendicontazione entro un anno dalla percezione della somma e alla custodia di tale documentazione presso la sede legale per un periodo di dieci anni. Sono tenuti all’invio della documentazione alla Direzione Generale del Terzo Settore per l’anno finanziario 2008 se hanno percepito somme pari o superiori a 15 mila euro, a partire dall’anno finanziario 2009 per somme pari o superiori a 20 mila euro.

 

CONTATTI per mancata o erronea erogazione del 5×1000

Per informazioni è possibile contattare il Centro di Contatto del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali chiamando il numero gratuito 800 196 196 dal lunedì al venerdì, dalle ore 9.00 alle ore 20.00.

Per informazioni relative alla mancata o erronea erogazione del 5 per mille è possibile inviare una mail all’indirizzo quesiti5permille@lavoro.gov.itinserendo sempre il codice fiscale, l’indirizzo, e i riferimenti email e telefonici/fax/cellulare.

Per informazioni sulla rendicontazione delle spese relative al 5 per mille è possibile inviare un email all’indirizzo rendicontazione5permille@lavoro.gov.it.